STUDI PEDIATRICI PAPARONE,tariffe e prestazioni
FACEBOOK,pagina
Scarica APP
FEBBRE
TOSSE
INFEZIONI PRIME VIE RESPI
PIANTO
ALLERGIE
ALLATTAMENTO
SVEZZAMENTO
DERMATITE ATOPICA
ACETONE
GASTROENTERITE
DIARREA
PROBLEMI COMUNI
GIRELLO
PREVENZIONE INCIDENTI
ECZEMA
SOLE
IL VASINO
Favismo e Farmaci
Convulsioni Febbrili
orticaria
Inappetenza
Trauma cranico
Piedi Piatti
pidocchi
otiti
Fimosi
Rifiuto del cibo, neofobia
Ingestione sostanze tossiche
calendario vaccinazioni
I

Inappetenza


Che cos’è?

È lo scarso appetito di un bambino. Sebbene possa essere sintomo di una malattia acuta (influenza, otite,bronchite), e quindi destinato a scomparire con la guarigione, spesso è la conseguenza di cambiamenti importanti (ad es., introduzione all’asilo o a scuola) o di comportamenti sbagliati dei genitori (pasti a orari poco regolari, forzatura a mangiare, ansia, alimentazione sbagliata ).


Come si manifesta?

Il bambino inappetente mangia poco (e con tempi lunghi), assaggia/giocherella/lascia il cibo, chiede qualcosa e poi cambia idea oppure afferma spesso di non avere fame.


Come va affrontata?

Bisogna escludere la presenza di malattie che riducono l’appetito (febbre, mal di gola, mal di pancia).Il genitore non deve agitarsi, non minacciare il bambino, ma neanche vezzeggiarlo e inventare giochi o distrazioni per convincerlo a mangiare: mangerà quando avrà appetito.

Non dare importanza alla poca fame aiuta a non drammatizzare la situazione, che può far sentir forte il bambino, il quale di fatto attua inconsciamente una sorta di ricatto psicologico sugli adulti.  Se non ha fame, si può fargli saltare il pasto: non succede niente e a un certo punto comunque l’appetito arriva.

L’importante è che il bambino assuma liquidi.


Alcuni utili accorgimenti

• Distribuire i quattro pasti in maniera regolare nella giornata.

• Non far mangiare il bambino fuori pasto.

• Non esagerare nelle porzioni: un bambino inappetente si scoraggia di fronte a un piatto troppo pieno;è meglio eventualmente dargliene una seconda porzione.

• Far consumare il pasto con calma, senza fretta di finire.

• Somministrare cibi variati nel sapore e nell’aspetto.

• Rispettare i gusti del bambino e non somministrare alimenti che quasi certamente non gradirà.

• Far muovere il bambino in maniera da stimolare l’appetito (giocare all’aria aperta, nuotare, correre).

• Far sì che il pasto sia un momento sereno e allegro per tutta la famiglia.


SOMMINISTRARE VITAMINE E STIMOLANTI APPETITO  NON E’ INDICATO, IN QUANTO PU0’ DETERMINARE UNA NON CORRETTA PERCEZIONE DELLA FAME, POTENDO DETERMINARE COME RISULTATO L’OBESITA’



Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
Site Map